Nell’orto naturale si respira pura energia!

Si crea un legame fortissimo tra le persone che condividono il corso e tra gli ortaggi che condividono l’orto.

Sesta tappa, sesto Valore:

SINERGIA

 

Nell’orto sinergico c’è sinergia

E’ lapalissiano nell’orto sinergico c’è sinergia!

Come una comunità di ortaggi, fiori ed erbe aromatiche condividono spazi e risorse in un fazzoletto di terra così gli ortisti condividono progetti, lavori ed emozioni.

Per capire il valore di un orto sinergico volgiamo lo sguardo alla Natura.

In un prato stabile di montagna le specie di piante che crescono in un solo metro quadrato di superficie sono decine e formano una biocenosi. Ogni individuo trova la sua nicchia per svilupparsi, le risorse necessarie per crescere e lo fa in armonia con le altre piante. Ci sono voluti anni, decenni, perché questo equilibrio si instaurasse ed è un equilibrio sempre in movimento.

Anche nell’orto possiamo ricreare un equilibrio in movimento, tra ortaggi e ortisti.

 

Sinergia tra ortisti: la progettazione

Una delle prime attività che propongo nei miei corsi è la progettazione dell’orto.

Prima di lavorare la terra, prima di seminare, prima di preparare il compost, si decidono gli ortaggi che andremo a coltivare. Si stabiliscono le varietà, le aiuole in cui inserirle, quando seminarle e a quali distanze.

Questo lavoro è importantissimo per poter avere un orto che cresce in armonia.

Solo un buon lavoro di squadra può realizzare un progetto equilibrato.

Ognuno, in base alle proprie attitudini, si prende in carico una parte del lavoro.

C’è chi si dedica al conteggio dei semi e delle piantine che dovranno essere acquistati; chi realizza il progetto grafico, posizionando meticolosamente gli ortaggi alle giuste distanze; chi è più artistico e presenta il progetto con tanto di legenda e ritratti delle piante scelte.

Tutti collaborano nella scelta degli ortaggi, si selezionano, tra quelli che possono essere seminati in quella stagione, quelli che piacciono di più, cercando di accontentare tutti.

 

Sinergia tra ortaggi: le consociazioni

La parte del progetto più difficile è trovare le giuste sinergie tra le piante.

Come nella biocenosi del prato stabile, anche nell’orto si possono ricreare comunità di piante che crescono in armonia tra loro.

Ortaggi, fiori ed erbe aromatiche si associano in base agli effetti benefici che ognuna ha sulle altre.

Si parla di consociazioni.

Il basilico cresce molto bene all’ombra del pomodoro. Il nasturzio, accanto alla zucchina, tiene lontani gli afidi, il ravanello se coltivato affianco al crescione diventa ancora più piccante.

Di sinergie già sperimentate ce ne sono tante e tante se ne possono sperimentare.

 

Sinergia in campo

In campo si condividono il lavori. Ce n’è per tutti: chi ha più energia si dedica alla zappatura, chi è più preciso dispone le sementi o le piantine in base al sesto d’impianto, chi è più delicato ripicchetta le piantine del semenzaio, chi più paziente individua le piante erbacee da togliere. Tutti, ma proprio tutti, partecipano alla condivisione di esperienze personali fatte nell’orto, a casa o in cucina.

Si parla, si racconta, si ascolta.

Si crea un clima positivo in armonia con l’ambiente circostante, un clima pieno di energia, pieno di SINERGIA.

Alla prossima tappa!